Tecnovia Srl informa: tutorial per Valutazione Impatto sulla Salute

images_con_VIS

Tecnovia informa che ha attivato un nuovo servizio di consulenza dedicato alla VIS (Valutazione di Impatto sulla Salute).

Obiettivo della VIS è valutare gli impatti diretti e indiretti di una proposta, sia nel caso di effetti negativi sulla salute che in caso di effetti positivi. Oltre alla definizione e quantificazione degli effetti, la VIS considera proposte alternative per accrescere i benefici per la salute (anche attraverso azioni di promozione di salute), definisce misure volte all’eliminazione o alla mitigazione dei potenziali effetti negativi e i relativi costi (in termini di impatto sulla salute individuale ed anche sul sistema sanitario), pone attenzione ad altri elementi che incidono su diseguaglianze e disequità.

Cuore della VIS è la Valutazione del rischio (risk assessment), che può basarsi su due approcci: quello tossicologico e quello epidemiologico, che possono essere usati alternativamente o in maniera integrata sulla base delle informazioni possedute riguardo allo stato di salute della popolazione ed ai livelli di inquinamento cui la popolazione stessa è esposta.

La valutazione del rischio nella VIS si sviluppa attraverso le 4 fasi canoniche:

1. Identificazione del pericolo (hazard identification). Risponde alla domanda: l’agente ambientale è potenzialmente in grado di provocare effetti avversi sulla salute?

2. Determinazione della risposta alla dose (dose response analysis). Risponde alla domanda: qual è la relazione tra la dose e l’effetto sugli esseri umani?

3. Valutazione dell’esposizione (exposure assessment). Risponde alla domanda: quali sono i livelli di dose/esposizione a cui la comunità è attualmente sottoposta?

4. Caratterizzazione del rischio (risk characterisation). Risponde alla domanda: qual è l’incidenza stimata e il numero di persone colpite all’interno della comunità?

Secondo le indicazioni della “Linea guida per proponenti e valutatori: valutazione di impatto sulla salute” del Ministero della Salute del giugno 2016 e della “Linea guida per la valutazione integrata di impatto ambientale e sanitario (VIIAS) nelle procedure di autorizzazione ambientale (VAS, VIA, AIA)” dell’ISPRA febbraio 2016, si dovranno valutare in termini qualitativi e quantitativi gli effetti avversi sulla salute dei vari inquinanti ambientali di natura chimica (PM10, PM2,5, Ozono, Metalli pesanti, Solventi organici, Diossine/Furani/PCB-DL,  specifiche sostanze cancerogene) e fisica (Rumore, Campi elettromagnetici, Radiazioni ionizzanti).

A tal proposito vi proponiamo un tutorial per il calcolo del rischio incrementale cancerogeno:
vedi >

Tecnovia è in grado di effettuare la VIS integrando la propria equipe di professionisti e ricercatori con una specifica professionalità di tipo medico con una vasta esperienza nel settore.

Tecnovia Srl è a disposizione per informazioni e consulenze contattaci!

 

top